• L’Unione delle Province della Toscana è l’Associazione che rappresenta tutte le Province della Toscana, ed è parte integrante dell’Unione Province d’Italia (UPI)

News

Indietro

La denuncia dell’AIPP: “va rimpolpato il personale delle Polizie Provinciali”

“Il personale delle Polizie Provinciali va rimpolpato, sia per dare risposte ​ alle aumentate esigenze di presidio e salvaguardia del territorio rurale, sia per non affievolire le attività di controllo delle specie problematiche in agricoltura, tradizionalmente compito degli Enti di area vasta”. E’ quanto scrive l’AIPP (Associazione Italiana Agenti e Ufficiali di Polizia Provinciale) ai componenti della Commissione Agricoltura di Montecitorio e al Ministro delle Politiche Agricole, sen. Teresa Bellanova.​ “Finora-prosegue la nota- per dare risposta alle istanze di alcune Regioni ed associazioni agricole, in Parlamento (ed in particolare presso la Commissione Agricoltura della Camera dei Deputati) sono state proposte le più strampalate soluzioni a casaccio, come – alcuni mesi fa- quella di privatizzare parzialmente i compiti dei guardiacaccia pubblici, ovvero gli agenti delle Polizie Provinciali, in materia di controllo faunistico delle specie problematiche per l’agricoltura . In queste ultime settimane si è poi arrivati a proporre assunzioni di cacciatori a tempo determinato con oneri a carico delle Regioni”.​ Attualmente l’art. 19 della legge venatoria statale 157/92 affida in primis agli agenti provinciali i compiti di controllo straordinario (nei periodi e nelle zone di divieto venatorio ) degli esemplari di specie che arrecano danni alle produzioni agricole,​ tipicamente il cinghiale. Ma l’eventuale ​ rafforzamento dei questi interventi deve passare attraverso un incremento degli organici di quegli agenti delle Province e delle Città Metropolitane che sono istituzionalmente destinati ai compiti di vigilanza ittico-venatoria e di controllo faunistico.​ Dopo il susseguirsi, nella scorsa legislatura, ​ di norme confuse e contraddittorie ​ (Legge​ “Delrio 56/2014, riforma​ “Madia” 124/2015, legge di Bilancio 2015), ​ il personale delle Polizie Provinciali ​ è stato duramente coinvolto ​ dai tagli dei bilanci agli Enti di area vasta,​ da un lungo blocco del​ turnover e da una quota di mobilità ​ forzata verso altre pubbliche amministrazioni, passando da 2.700​ effettivi a circa 1.900 nel giro di cinque anni. ​ Tuttavia l’ultimo emendamento del Relatore alla proposta di legge n. 982 (Gallinella ed altri) , presentato alla Commissione Agricoltura di Montecitorio lo scorso 22 ottobre, che immagina di istituire un precariato dei controllori faunistici in capo alle Regioni, con contratti di durata annuale, ​ è una trovata tecnicamente inaccettabile​ , poiché l’impiego di carabine in aree delicate, come quelle attigue ad abitazioni, infrastrutture viarie e luoghi di lavoro, richiede il ruolo professionale e primario (se non esclusivo) di personale di polizia locale specializzato e responsabile, che non può essere surrogato da chi ​ potrebbe svolgere tali compiti con poche ore di “formazione” o con scopi ludici.​ ​ Se il personale di Polizia Provinciale è divenuto insufficiente, si diano risorse agli Enti di area vasta per bandire nuovi concorsi, spiega l’AIPP (Associazione Italiana Agenti e Ufficiali di Polizia Provinciale), rimuovendo gli ostacoli di bilancio e i laccioli giuridici che hanno impedito di bandire nuovi concorsi per garantire il necessario turnover; ne gioverebbe anche l’applicazione di tutte le disposizioni statali e regionali a tutela dei beni naturali ed ambientali”, conclude la nota.

Fonte: AIPP tramite StrettoWeb

Filtra le news

Archivio News antecedenti al 2014