• L’Unione delle Province della Toscana è l’Associazione che rappresenta tutte le Province della Toscana, ed è parte integrante dell’Unione Province d’Italia (UPI)

Il Presidente di UPI Variati, il Presidente di UPI Toscana Filippeschi e una delegazione di Presidenti-Sindaci ricevuti dal Presidente della Repubblica Mattarella



Garantire uguali servizi a tutti i cittadini, sia che si trovino a vivere nei grandi centri urbani che nei piccoli comuni amministrati dagli Enti di Area Vasta. Questo il tema centrale dell’incontro avuto oggi al Quirinale tra il Presidente della  Repubblica, Sergio Mattarella, e  una delegazione di Sindaci Presidenti di Provincia guidati dal Presidente dell’Upi  Achille Variati, accompagnato dal Presidente di UPI Toscana Marco Filippeschi e composta da Presidenti Sindaci in rappresentanza degli Enti di Area Vasta delle Regioni a Statuto Ordinario


 
“Abbiamo avuto modo di parlare per più di un’ora con il Presidente della Repubblica – ha dichiarato Variati al termine dell’incontro – per raccontare le luci e le ombre della riforma degli Enti di area vasta e  renderlo partecipe della nostra preoccupazione rispetto alla necessità di assicurare a tutti i cittadini servizi efficienti. Un tema che sta molto a cuore al Presidente Mattarella. Abbiamo voluto confermare – ha detto Variati - tutto il nostro impegno a dare attuazione ad una riforma in cui, come Sindaci,  abbiamo sempre creduto e che sta permettendo agli amministratori di lavorare insieme, per il bene delle comunità, al di fuori dei particolarismi e dei localismi. Ma abbiamo anche sottolineato che  se come classe politica non costiamo nulla, perché il nostro è un servizio che rendiamo senza alcun compenso, abbiamo bisogno delle risorse necessarie per garantire ai nostri cittadini strade e scuole sicure, interventi per la difesa per l’ambiente, opere di manutenzione e di investimento costanti. Con il Governo c’è stata una ripresa importante del confronto che ha dato primi risultati positivi e siamo certi che il grande sforzo che stiamo facendo come Sindaci per efficientare la spesa ed assicurare i servizi sia ben compreso dal Presidente Renzi. Non vogliamo un euro di più – ha sottolineato Variati - se non quello che serve ad assicurare la piena cittadinanza a chi vive nei nostri territori; per questo chiediamo che con il 2015 si chiuda la stagione della precarietà e dell’emergenza e che dal 2016 si inizi a ridefinire lo stesso sistema di finanziamento di questi servizi.  Lo Stato prenda pure gli introiti delle imposte che ci sono riservati – Rcauto e Imposta di trascrizione sulle auto –, ma si garantisca, a costo standard, la piena copertura delle funzioni fondamentali che siamo chiamati ad esercitare. Siamo certi che il Presidente della Repubblica, che ha mostrato piena attenzione alle questioni che abbiamo posto oggi, nel suo ruolo di Garante della Costituzione, comprende il valore di questo nostro impegno di equilibrio ed uguaglianza”. 

"E' stato un incontro importante - ha dichiarato il Presidente Filippeschi -  Il Presidente Mattarella ha dato un'altra prova di sensibilità e capacità d'ascolto. Le stesse che avevano ispirato il suo intervento a conclusione dell'assemblea nazionale dell'Anci. Ascoltare i sindaci, quelli che si sono presi in carico l'attuazione della riforma Delrio, in particolare, per evitare che la riforma deragli con il dissesto generalizzato nel 2016 delle nuove istituzioni. Ho segnalato al Presidente il deficit ormai strutturale d'investimenti su strade e scuole, con logoramenti e danneggiamenti materiali che si aggravano in modi e tempi esponenziali. Questo è un debito occulto di sicurezza e di futuro, inaccettabile. Così come non si può accettare che per eguali servizi fondamentali, per esempio quelli scolastici, vi sia un trattamento differenziato a favore delle città metropolitane. Ho poi ribadito le potenzialità della riforma per fare delle nuove istituzioni di area vasta centri di servizi per i comuni, dove concentrare la collaborazione per attingere a competenze, dare risposte più efficaci e veloci e risparmiare risorse". 

Roma, 26 gennaio 2015


 

A questa pagina il video dell'incontro: https://youtu.be/UeTjuPzDWsk
 
Indietro

I perché dell’esposto cautelativo della Provincia di Pisa

Il Presidente Filippeschi ha presentato le ragioni dell'esposto cautelativo depositato dalla Provincia di Pisa: grido di allarme per la sicurezza dei cittadini.

L’Assemblea dei Presidenti di Provincia dello scorso 16 febbraio, con il supporto di alcuni legali di fiducia, ha deciso di inviare alle Procure della Repubblica, alle Prefetture, alle Sezioni regionali della Corte dei Conti, un esposto cautelativo per evidenziare la grave situazione finanziaria e di difficoltà nella gestione dei servizi in cui versa la Provincia.Infatti, le Province si trovano ad affrontare una situazione finanziaria gravissima e, per certi versi, paradossale anche sul piano istituzionale, pur mantenendo, in base alla legge 56 del 2014, importanti funzioni fondamentali che hanno un impatto decisivo sulla sicurezza dei cittadini, come

- la costruzione e gestione delle strade provinciali;

- la gestione dell’edilizia scolastica per le scuole secondarie superiori.

A fronte di tali funzioni, però, oggi le Province si trovano a dover dichiarare la loro “impotenza”, non certo per cattiva volontà o imperizia tecnico-amministrativa, ma solo e soltanto per la carenza delle risorse finanziarie e per l’impossibilità di programmare, stante anche il fatto che per gli anni 2015 e 2016 le Province hanno potuto approvare il solo bilancio preventivo annuale.

Ora però, il dato di maggior allarme è che, in virtù dei provvedimenti di “spending review” e agli obblighi di riversamento allo Stato dei tributi propri previsti dalla legge 190/14, le Province, anziché poter utilizzare le risorse derivanti dalle entrate proprie per le funzioni ad esse attribuite, devono in realtà riversarne quasi l’intero ammontare allo Stato, in palese contraddizione non solo con l’attribuzione legislativa dei compiti ad esse affidati, ma ancor prima con la norma dell’art. 119 della Costituzione che garantisce l’autonomia finanziaria per l’esercizio delle funzioni pubbliche degli enti.

Come affermato dalla Corte costituzionale (sentt. 10/2016 e 188/2015), seppur con riferimento al finanziamento regionale di funzioni trasferite alle Province, la riduzione delle risorse necessarie per funzioni conferite alle Province “si riverbera sull’autonomia di queste”, contrastando con le norme costituzionali “nella misura in cui non consente di finanziare adeguatamente le funzioni stesse”.

Per il 2017, considerando i 2 miliardi di entrate rispetto ai circa 1,65 miliardi di euro che le Province italiane devono allo Stato, residuano per le funzioni proprie (per tutte le Province delle Regioni a Statuto Ordinario) circa 446 milioni di euro.

 

RISORSE RESIDUE PER ESERCITARE LE FUNZIONI PROPRIE PER TUTTE LE PROVINCE RSO (personale, mutui, edilizia scolastica, controllo e salvaguardia ambientale, ecc)

446.600.000

 

Vale a dire, che per tutte le funzioni fondamentali, e in primo luogo per la gestione dei 3600 edifici delle scuole secondarie superiori, per la costruzione e gestione dei 100 mila km di rete stradale provinciale, per le funzioni di controllo e salvaguardia ambientale oltre che per le spese di personale, per quelle derivanti dai mutui, ecc., le Province hanno a disposizione meno di 450 milioni di euro, una cifra che è evidentemente insufficiente e non idonea ad assicurare l’effettivo esercizio delle funzioni affidate alle Province.

Per quanto nello specifico riguarda la Provincia di Pisa la situazione di squilibrio prevista per l’anno 2017 è la seguente:

(A)

ENTRATE TRIBUTARIE (stima 2017)

 

 

34.100.000,00

 

(B)

OBBLIGO RIVERSAMENTO ALLO STATO

 

 

- 27.414.554,49

(C)=(A)-(B)

ENTRATE NETTE

 

 

6.685.445,51

 

 

 

 

 

(D)

SPESE RIGIDE

 

 

- 22.539.500,00

 

 

Spese personale*

9.726.500,00

 

 

 

Spese rimborso prestiti

12.813.000,00

 

(E)=(B)-(D)

 

 

 

- 15.854.054,49

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

*(di cui €1.200.000 rimborsate da Stato e Regione fino a tutto il 2017 per i dipendenti del mercato del lavoro)

Le entrate tributarie della Provincia di Pisa, al netto dell’obbligo di riversamento allo Stato, non è neanche sufficiente a coprire le spese rigide (personale , ridotto del 50% per legge rispetto al 2014, e rimborso mutui).

È utile rilevare che già nel 2014 la Provincia di Pisa aveva effettuato un monitoraggio su tutti gli interventi necessari alla viabilità provinciale: per le sole pavimentazioni stradali il costo arretrato manutentivo (il cosiddetto backlog) era stimato in oltre 70 milioni, i costi per la manutenzione straordinaria e ordinaria a regime erano stimati rispettivamente in quasi 10 e 1,2 milioni. Considerando anche ponti, barriere, illuminazione, verde e quant’altro necessario le cifre salivano a 183, 14 e 9 milioni. Senza andare a citare queste cifre monstre e attestandosi su valori molto più ridotti, le risorse per garantire almeno un livello di servizio “e” (su una scala da “a” a “f”) erano stimate in oltre 47 milioni che diventavano 106 nel caso il livello di servizio da raggiungere fosse il “c”.

Inoltre, il Settore Edilizia ha redatto una scheda per ciascuno degli immobili della Provincia distinguendo tra interventi cosiddetti “tampone” o di “rifacimento totale”. Il risultato è quello mostrato nella tabella successiva (gli importi comprendono IVA ed altri Oneri):

Stima interventi sugli edifici della Provincia di Pisa

 

Gli interventi indicati in tabella escludono quelli legati agli aspetti strutturali, all’adeguamento antincendio (sono inclusi soltanto gli interventi di sostituzione/ripristino di impianti già presenti nelle pratiche approvate a suo tempo dai VVF) ed energetico, in quanto valutabili con un approccio più specialistico ed approfondito. Se ne deduce che le somme necessarie sarebbero assai più elevate.

Agli interventi citati si dovrebbero aggiungere gli investimenti necessari per la realizzazione di nuove scuole, sia in sostituzione di alcuni edifici non più adeguati, sia a seguito della crescita degli iscritti e alla conseguente maggiore necessità di spazi; questi investimenti, che peraltro riguardano anche un edificio che oggi ospita circa 1.700 studenti, sono stimati in circa 50 milioni.

Giova ricordare in questo contesto quanto rappresentato dalla Corte dei Conti nella deliberazione n. 17/2015 della Sezione delle Autonomie, che, presentando al Parlamento una relazione sul riordino delle Province, afferma, nel richiamare l’attenzione sull’impatto delle misure conseguenti alla legge di stabilità n. 190/14, che tali misure sono da ritenere “suscettibili di generare forti tensioni sugli equilibri finanziari”; con la conseguenza, evidenziata dalla Corte, che “ancora più problematico si prefigura il taglio incrementale per il biennio 2016-2017, atteso che una volta riallocate le funzioni e le risorse a queste destinate, le Province si troveranno a dover conseguire i risparmi richiesti su aggregati di spesa più ristretti e soprattutto vincolati alle funzioni fondamentali”.

La medesima Corte dei Conti, in audizione il 23 febbraio 2017 presso la Commissione parlamentare per l’attuazione del federalismo fiscale, ha avuto modo di ricordare i contenuti della sentenza Corte Costituzionale, su analoga questione, n. 188/2015 che sostanzialmente rileva che “la forte riduzione delle risorse destinate a funzioni esercitate con carattere di continuità ed in settori di notevole rilevanza sociale risulta manifestamente irragionevole proprio per l’assenza di proporzionate misure che ne possano in qualche modo giustificare il dimensionamento

La Sose, vale a dire la società del Ministero dell’Economia che oltre agli studi di settore calcola il prezzo giusto (i «fabbisogni standard») delle funzioni fondamentali degli enti locali, ha recentemente certificato i numeri del problema partendo dai dati a consuntivo che non necessariamente sono da considerare adeguati rispetto alle esigenze: tra le entrate garantite e le spese necessarie alle funzioni che ancora rimangono nelle Province c’è una distanza di 651,5 milioni di euro.

“Ci si potrebbe trovare – dichiara il Presidente Filippeschi - pertanto, nella paradossale situazione che i cittadini siano privati di servizi fondamentali per la loro vita, quali la sicurezza dei trasporti e la sicurezza nelle scuole, e di funzionari e dirigenti e anche amministratori che, loro malgrado, potrebbero essere chiamati a rispondere di reati molto gravi. I fatti su illustrati, ovverosia i provvedimenti di cui sopra e la mancata previsione di un adeguato finanziamento delle Province, costituiscono una violazione dell’art. 119 della Costituzione, nonché del principio di buon andamento della Pubblica Amministrazione di cui all’art. 97 della Costituzione”

Ciò comporta gravi danni non soltanto ai cittadini, ma anche all’Ente Provincia, il quale potrebbe non essere in grado, come spiegato, di far fronte alle proprie specifiche funzioni istituzionali.

La naturale conseguenza di tale condizione è il porre in capo alle Province un serio rischio di incorrere in gravi responsabilità morali e patrimoniali e il porre in capo ai dirigenti ed ai funzionari delle stesse il rischio di incorrere anche in gravi responsabilità penali.

Fonte: Provincia di Pisa

Aree Tematiche Correlate

  • Legge n.56 del 7 aprile 2014

Riordino Province e Istituzione Cittá Metropolitane

Vedi Area

Filtra le news

Archivio News antecedenti al 2014